Un Mp3 da sballo

Nuove frontiere per le droghe virtuali che, da un anno a questa parte, si sono diffuse su internet.
Sembra davvero assurdo eppure con appena tre euro è possibile acquistare una dose di peytol, cocaina, marijuana, oppio, lsd, extasis, e così via.
Questo è quanto proposto da I-Doser.com, un sito americano, rilanciato dai ragazzi spagnoli, ma diffusosi in tutto il mondo, Italia compresa, che permette di “sballarsi”, senza assumere nessuna sostanza, ma semplicemente scaricando da internet la propria dose disponibile anche in cd o Mp3 con tanto di prova gratuita.
Basta scegliere il programma, seguire le semplici indicazioni esposte sul sito, stendersi, chiudere gli occhi ed indossare le cuffie coperte, insomma stare rilassati ed ascoltare e l’I-doser fa il suo effetto, ovvero dovrebbe farlo. Si, perché non tutti gli scienziati sono d’accordo sugli effetti di tale metodo.
Alcuni ritengono che tutto ciò sia poco scientifico, che dipenda molto dalla suggestione, altri non concordano con questa tesi. E anche fra chi la prova non tutti sono soddisfatti della nuova droga sonora.
È veramente attendibile? Funziona veramente e se si come ciò avviene?
Il sistema funziona sulla base dei binaural beats, i c. d. battiti binaturali, sperimentati da Gerald Oster negli anni Settanta presso la clinica Mount Sinai di New York. Egli scoprì che applicando frequenze diverse alle due orecchie si può stimolare il cervello a seconda dell’intensità.
Il cervello, infatti, manifesta la propria attività elettrochimica attraverso le onde celebrali, la cui frequenza è calcolata in Hertz. Si possono distinguere quattro differenti tipi di onde:
• Onde Beta, le quali hanno una frequenza che varia da 13 a 30 Hertz e sono associate alle normali attività di veglia. Danno la possibilità al soggetto di tenere sotto controllo la situazione nei momenti di ansia o di stress, e di dare soluzione veloce ai problemi che si presentano;
• Onde Theta, con frequenza tra i 3 e i 7 Hertz, sono proprie della mente che immagina, visualizza, si dedica alla ispirazione creativa, alla meditazione profonda, al sogno ad occhi aperti, alla fase REM del sonno;
• Onde Alfa, la cui frequenza varia da 7 a 13 Hertz, sono associate allo stato di coscienza vigile, ma rilassata. In quei momenti la mente, pur essendo calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni. Esse dominano nei momenti introspettivi;
• Onde Delta, con frequenza tra 0,1 e 3 Hz, sono proprie del rilassamento psicofisico, della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell’abbandono totale.
Le frequenze “Binaural Beats”, scoperte nel 1839 dal tedesco H. W. Dove e sperimentate sul cervello dal Dott. Gerald Oster nel 1973, sono l’applicazione di queste differenze in frequenza tra un orecchio e l’altro, in modo che il cervello ne venga stimolato positivamente. Queste riescono a stimolarlo in differenti maniere, agevolando il rilassamento, l’apprendimento, la meditazione, il sonno e molti altri aspetti della vita.
In tal modo, inserendo le cuffie si applica una frequenza all’orecchio sinistro, ed una diversa, maggiore o minore, all’orecchio destro. La mancanza di sincronicità fra le due frequenze produrrà le onde elettromagnetiche che abbiamo appena descritto e susciterà in tal modo effetti di alterazione della percezione.
La stessa tecnica usata da altri siti per favorire la meditazione, il sonno o curare il rilassamento.
Non si era ancora pensato a mettere in rapporto le diverse frequenze con i diversi tipi di droga utilizzando gli studi sulla tossicomania.
Gli autori del sito avvertono che l’uso del software non crea dipendenza, né da esso possono derivare eventuali rischi legali, da diverse fonti, invece, si è parlato di bufala, di falsa notizia, di trovata pubblicitaria, addirittura di frode. Ma sta di fatto che il sito è ancora attivo, la dose in formato cd o mp3 ed ora anche via i-Phone è facilmente scaricabile, il resto… ancora non si sa!
Angela Allegria
14 luglio 2009
In www.operaincerta.it

I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: