Intervista a Rita Borsellino

Modica incontra Rita Borsellino
Giunta a Modica per appoggiare la candidatura di Antonello Buscema, Rita Borsellino parla del suo amore per i siciliani, del suo amore per la bellezza di Modica, della necessità del cambiamento, cambiamento che ha vissuto lei in prima persona.
La limpidezza dello sguardo, il sorriso sulle labbra, la semplicità delle parole, la logica linearità del ragionamento nato dalla piena coscienza della realtà e dalla speranza ottimistica di cambiare le cose: questi gli elementi colti dai modicani giovedì 12 giugno in piazza Giardina. Lo sguardo pacato di una donna che ha deciso di fare qualcosa per i siciliani perché è una di loro, perché ha vissuto in prima persona quegli eventi che ormai hanno assunto la certezza di fatto storico è stato percepito dai modicani prossimi alle elezioni.
Con il sorriso di sempre ha accettato di rispondere a qualche domanda.
D: Dott.ssa Borsellino, stasera a Modica per presentare Antonello Buscema, ma anche per incontrare Una Nuova Prospettiva, un movimento che ha fatto nascere lei. Possiamo dire che lei rappresenta una sorta di “Guida spirituale” di questo movimento culturale?
R: Mi sembra un impegno molto grande ma mi sento veramente di assumerlo. Antonello non sono venuta a presentarlo, voi lo conoscete molto bene: sono venuta ad accompagnarlo in questo percorso che sicuramente questa volta andrà a buon fine.
D: Lei ha sempre sostenuto che se Paolo non fosse morto lei sarebbe rimasta solo una madre, una nonna. Ha cominciato con l’antimafia per poi giungere alla politica volta alla costituzione di una società di giustizia. Come è avvenuto tale passaggio?
R: Non è una cosa strana. Se tutta la politica facesse anche antimafia sarebbe una cosa buona. È un passo naturale: se vuoi fare antimafia devi anche occuparti di politica perché spesso la mafia è dentro la politica.
D: In Sicilia è diventata il simbolo della lotta contro la mafia, il simbolo della legalità, ma anche della volontà di cambiare le cose “per l’affetto che prova per i siciliani”. Girando per le città siciliane ha potuto toccare con mano questo cambiamento? Pensa che anche a Modica un cambiamento sia possibile?
R: Spero di non essere solo un simbolo perché sarebbe troppo triste. Davvero mi sono impegnata molto, questo sicuramente, perché ci credo. I segni del cambiamento qualche volta bisogna cercarli perché non sono evidenti. Però quando li cerchi li trovi sicuramente.
D: Un augurio a Modica e ai modicani dopo le imminenti elezioni?
R: Auguro ai modicani di iniziare dopo le elezioni un nuovo percorso bello, vero, libero che renda Modica più bella di quella che è.

Angela Allegria

14 giugno 2008

In www.unanuovaprospettiva.it

  • Trackback are closed
  • Commenti (2)
    • sara procaccianti
    • 20 febbraio 2009

    Ciao angela,non sapevo di questa tua attività, non ho letto tutti i tuoi articoli ma quelli che ho letto sono molto interessanti, complimentoni!

    • angelaallegria
    • 21 febbraio 2009

    Ciao Sara, ti ringrazio! Eh si, diciamo che ferma non ci posso stare… ehehe! Un abbraccio, a presto

I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: